mormon.org Mondiale

Ciao, mi chiamo Юлия (Yulia)

  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya
  • Yulia Dobrovolskaya

Chi sono

Mi piace cucinare, giocare a ping-pong e nuotare. Adoro dipingere con gli acquerelli e ricamare. Studio delle lingue straniere. Compongo musica. Sono madre di tre figli. Sono laureata in musica. In questo momento dirigo un gruppo musicale di giovani. Sono dei musicisti meravigliosi. Il mio lavoro con loro è fonte di ispirazione e felicità. È tutta la vita che sono circondata dalla musica. È il mio laboratorio creativo. Questi musicisti sono miei amici, e abbiamo delle menti affini. È un lavoro duro, ma porta una grande gioia e una festa nella mia anima. Amo i bambini. Sono diversi, ma molto attivi, curiosi e determinati. Amano moltissimo imparare cose nuove riguardo a questo mondo. Insieme giochiamo e impariamo. Quando i bambini sono interessati e si divertono possono fare infinite scoperte, raggiungere infinite vittorie e conquiste. Mi piace perfezionarmi e mettere la mia anima all’opera.

Perché sono mormone

I miei antenati mi hanno lasciato un grande retaggio di fede. Studiando la mia genealogia ho imparato chi erano, cosa facevano, chi erano i loro amici e qual era la loro reputazione. Quando ho scoperto di appartenere a una famiglia con delle alte norme morali, ho provato pura felicità. Mentre scrivevo le storie dei miei antenati, ho potuto notare dei determinati tratti caratteriali che sono stati tramandati di generazione in generazione e che per me sono importantissimi. Ho imparato che il Vangelo influenza molto le nostre vite. Non garantisce l’assenza di problemi come le malattie, la perdita del lavoro, l’ostilità da parte di alcuni gruppi di persone e così via, ma quando io vivo il Vangelo, trovo in me la forza di superare gli ostacoli, di accettare le cose difficili e incomprensibili che mi accadono nella vita, e di vederle come una possibilità di diventare migliore e di accrescere il mio progresso personale. So chi sono. Io sono una figlia di Dio, e ho affidato la mia vita a Lui. Non è una fiducia cieca, ma verifico con Lui il percorso della mia vita. Non chiedo a Dio di fare per me ciò per cui io non sono pronta a dedicare il mio tempo e il mio impegno. Tratto la mia vita e la vita dei membri della mia famiglia come se fossero un dono inestimabile. Le considero dei tesori e desidero colmarle solo di ciò che voglio che resti come quanto di più bello da ricordare. Tra molti anni, vorrò voltarmi indietro e, analizzando il mio percorso ed i miei traguardi, vedere che la mia vita mi è piaciuta, che non ho rimpianti e che essa non è stata sprecata. Amo Dio. La Chiesa ha aiutato la mia famiglia a perseverare nei momenti difficili della nostra vita. Oggi ci sostiene. In questa Chiesa ho trovato la conoscenza meravigliosa e preziosa che le famiglie possono stare insieme per sempre. Questa consapevolezza è stupenda; ci rende responsabili — riguarda l’eternità!

Come vivo la mia fede

Una delle esperienze più indimenticabili della mia vita cristiana riguarda la mia città natale. Una volta sono stata incaricata di organizzare un comitato per fare volontariato nelle amministrazioni locali, occupandoci dei parchi e di altri luoghi ricreativi. Era qualcosa che non avevo mai fatto. È stata un’occasione per condividere con le persone intorno a noi le elevate norme morali seguite dalla mia famiglia e dai membri della Chiesa, e per far sapere loro che noi siamo cristiani, che cerchiamo di accettare l’invito del Salvatore a servire il nostro prossimo. Abbiamo trovato le parole giuste, abbiamo incontrato i funzionari e abbiamo fissato le date delle attività a cui hanno partecipato anche i membri della Chiesa. Che grande gioia è stata vedere tutte le famiglie, i giovani e gli anziani uniti in quel magnifico servizio per la loro città natale! Il lavoro era bene organizzato e veniva svolto con gioia. Sentivamo sempre dei commenti positivi riguardo al fatto che un’altra area della comunità stava diventando più pulita e più bella. Erano tutti felici del risultato! Ho avuto la possibilità di insegnare alle giovani donne della nostra congregazione. Ognuna di loro ha un carattere diverso e una diversa educazione e forse sono giovani, ma hanno vissuto delle esperienze. È meraviglioso osservare il modo in cui i consigli che ricevono nelle lezioni le aiutano ad avere più stima di se stesse e a considerarsi delle personalità uniche. Le ragazze imparano ad amare i propri familiari e ad essere felici quando sono in famiglia. Sviluppano i propri talenti e pensano attentamente alle mete e alle priorità della vita. Mentre sono giovani, le ragazze trovano la forza di stare lontane dalla droga, dall’alcol e dal tabacco, dalla pornografia e dal linguaggio volgare, e dallo sprecare tempo sui social media. Esse vestono con gusto e modestia, ascoltano buona musica e, tramite l’esempio, influenzano positivamente i loro amici. Sono fiera dei successi conseguiti da queste ragazze e ammiro l’amore che hanno per la vita, l’amicizia e il modo in cui affrontano la vita con sicurezza. Queste ragazze possono ottenere molto in famiglia e nella società.