mormon.org Mondiale

Potresti parlare del tuo battesimo?

  • Prima del mio battesimo ho avuto alcuni ostacoli molto forti. Ma grazie a questo ho imparato ad avere più fede e speranza, perché doveva succedere un miracolo per poter superare quel ostacolo esterno che non dipendeva da me... Da me dipendeva solo di avere la fede che con il Signore tutto è possibile. Avevo la testimonianza della verità del Vangelo che mi aiutato ad avere la fede sufficiente per poter far accadere il miracolo. Sono molto felice e grata di essere battezzata e far parte della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Mostra altro

  • Il mio battesimo è stato stupendo! E' stato un giorno importante e speciale per me che lo aspettavo da tanto tempo ed era finalmente arrivato . La persona che mi ha battezzata è il mio caro amico,ha l'autorità del sacerdozio, ex missionario , padre, marito e in presente è anche presidente del ramo della chiesa nella mia città natale. Mi sono battezzata una settimana dopo il mio compleanno il 15.05.2010 . Sono felice di averlo fatto. So che la chiesa è vera e voglio condividere la mia testimonianza che è importate obbedire ai comandamenti e perseverare fino alla fine, essere dei esempi ai nostri famigliari e amici . So con tutto il mio cuore che la mia vita ha un senso e sono qua perché devo imparare e vivere il vangelo così posso tornare dal mio Padre Celeste . Mostra altro

  • Il giorno in cui mi sono battezzato è stato il giorno più bello dopo la nascita dei miei figli e del mio matrimonio. È stato come riabbracciare mio Padre e sentirmi di nuovo coccolato da lui, mi sono sentito sicuro e forte e soprattutto amato da tutti. Mostra altro

  • Dopo aver digiunato e pregato per sapere se la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, noti anche come mormoni, era la vera chiesa di Dio e aver ricevuto una risposta affermativa, sapevo di dover essere battezzato. Non dimenticherò mai il giorno in cui sono stato immerso nell’acqua con un detentore del sacerdozio autorizzato e ne sono uscito sentendomi purificato da tutti i miei peccati del passato. Mostra altro

  • Sono stato battezzato nel 2001. È stato molto interessante. Tutto era nuovo per me perché ero sempre stato cattolico. Mia moglie e la mia famiglia erano presenti al battesimo. Mostra altro

  • Avevo otto anni e abitavo aEdmonton, nell’Alberta, in Canada. Mio padre mi ha battezzato e confermato membro della Chiesa. Fuori nevicava e faceva freddo , ma stando seduto accanto al mio papà e tenendogli la mano, non ho mai sentito maggiore calore, sicurezza e amore. È morto tre anni fa, ma quando chiudo gli occhi riesco ancora a sentire la mia manina nella sua. Mostra altro

  • Il mio battesimo è stato un esperienza molto speciale! Mi ricordo che il mio padre mi ha battezzato e ho provato un sentimento di pace e di gioia così grande! Il fatto che, dopo il mio battesimo, ero puro e pronto per accettare il Vangelo di Gesù Cristo mi ha reso felice come nessun'altro sentimento nella mia vita. Mostra altro

  • Ho fatto i colloqui nella città dove mi sono trasferita, Ravenna, nel 1998. La data del mio battesimo è il 16 gennaio 1999. Nella cappella dove ci riunivamo all'epoca, non c'era acqua calda. Mi chiesero dunque se volevo essere battezzata a Forlì o a Rimini. Scelsi Forlì per la vicinanza. Fu un giorno pieno di luce. Mi svegliai e sentivo la tensione in ogni molecola del mio corpo. Mi ricordo il viaggio in macchina con le mie due coinquiline che volevano partecipare, la premura delle sorelle che mi aiutavano a vestirmi, la sorpresa che ebbi quando Ryan Stephensen, uno dei due missionari che mi fermò per la strada l'anno prima, comparve per suonare gli inni in quel giorno tanto speciale per me. Non ricordo i discorsi, neppure chi li tenne. Ricordo estremamente bene il battesimo, l'entrata in acqua, il missionario Z. Jones che mi teneva la mano e mi sorrideva, i volti degli altri missionari a bordo vasca, la luce meravigliosa che mi invase mentre mi immergevo e uscivo. E' più facile parlare di questo che della confermazione col dono dello Spirito Santo del giorno dopo. Io sono rinata quel giorno. Lo festeggio come fosse il mio compleanno. Una parte di me non c'è più ma non mi manca. Era piena di ciò che la vita mi aveva inflitto. No, grazie, la lascio dov'è. Vado avanti con le immense benedizioni che mi sono state date da quel giorno in poi. Mostra altro

  • Avevo dieci anni quando fui battezzata. Andai a far visita a dei parenti in Wyoming e lì mia madre e le mie zie mi avvolsero in un lenzuolo bianco. Fecero un buco in mezzo per far passare la testa e poi mi legarono una corda intorno alla vita per farne un abito battesimale. Quando entrai nell’acqua ghiacciata del ruscello in parte innevato, pensai che sarei morta dal freddo. Era agosto inoltrato, ma per quel che riguardava l’acqua, sembrava gennaio. Quando uscii dall’acqua, dopo l’immersione totale, ero coperta di fango ghiacciato fino alle ginocchia. Mio zio mi portò velocemente sulla riva del fiume, dove mi avvolsero in una coperta calda e mi fecero sedere su un tronco. Fu su quel tronco che giunsi a comprendere lo Spirito Santo. Mi avevano insegnato che lo Spirito Santo era un membro della Divinità, il membro conosciuto come il Consolatore. Mentre sedevo lì avvolta nella coperta calda, sentii che sarebbe stato come essere avvolti nell’amore del nostro Consolatore. Per me era un amico celeste che sarebbe stato con me fintanto che avessi vissuto in modo tale da essere degna di tale dono. Con la coperta attorno a me, cominciai a sentire il calore che sarebbe scaturito dall’essere circondati dallo Spirito Santo. Sarebbe stato come essere avvolta in quella coperta, sentendomi calda, sicura e in pace per il resto della mia vita. Ora so che molte volte nella vita, durante le ore più gelide, sono stata confortata dal quello stesso Consolatore. Cerco di vivere la mia vita in modo da essere degna ogni giorno della Sua presenza. I suggerimenti di scegliere il giusto, di evitare il pericolo, di intenerire un cuore indurito o di risollevarne uno triste sono stati le benedizioni frutto di quel giorno nell’acqua gelata del ruscello! Mostra altro

  • Conobbi la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni nel 1983, all'età di 15 anni, frequentando il corso d'inglese tenuto dai missionari. Quando andammo per la prima volta restammo colpite dal calore e dallo spirito di amicizia con cui fummo accolte sia dai missionari che dai membri. C'era tra loro un sentimento di unita' che non avevo mai trovato da nessun'altra parte. Conoscemmo alcuni nuovi membri e parlando con loro sentivo la gioia che provavano e il desiderio di condividere ciò che avevano trovato nel vangelo di Gesù Cristo. Fu così che nacque in noi il desiderio di conoscere la Chiesa e i missionari, con l'aiuto di questi membri così entusiasti furono pronti a rispondere alle nostre domande. Ci parlarono di un libro di Scritture che andava di pari passo con la Bibbia: il Libro di Mormon, un altro testamento di Gesù Cristo. Era come se la mia anima fosse assetata delle verità del Vangelo e ad ogni nuovo insegnamento lo Spirito Santo inondava la mia anima: sapevo che tutto ciò era vero. Che gioia incredibile! Anche mia sorella ricevette una conferma spirituale degli insegnamenti ricevuti e fu così che entrammo nelle acque del battesimo. Fu un giorno glorioso che non potrò mai dimenticare, l'inizio di un nuovo cammino che come scrive Nefi, un profeta del Libro di Mormon "conduce alla vita eterna; sì, siete entrati per la porta; avete agito secondo i comandamenti del Padre e del Figlio, e avete ricevuto lo Spirito Santo che testimonia del Padre e del Figlio, in adempimento alla promessa che Egli ha fatto, che se foste entrati per questa via, avreste ricevuto." (2 Nefi 31:18). Io ho davvero ricevuto tanto dal Signore in tutti questi anni da quando sono entrata a far parte della Chiesa. Grazie alla bontà del Signore la mia vita è stata e continua ad essere benedetta. Come tutti ho le mie prove, i miei problemi ma posso contare sull'aiuto del Suo Spirito se mi sforzo di mantenermi degna. Mostra altro

Nessun risultato