mormon.org Mondiale
Giancarlo: Cucinare, Convertito, Servizio, Esempio, Musica, Computer, Mormone.

Ciao, mi chiamo Giancarlo

Chi sono

Sono pensionato, padre di tre figli, divorziato ma molto amico della mia ex moglie. Mi piace la musica, cantare, suonare la chitarra e passeggiare. Mi piace anche cucinare soprattutto per gli altri. Coltivo l'amicizia non solo quella occasionale, da lavoro o parentale. Mi piace dedicare tempo all'informatica e alla tecnologia HiFi.

Perché sono mormone

La mia conversione nasce molto tempo fà, durante uno spettacolo presentato dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Utimi Giorni ( Chiesa Mormone). Lo spettacolo o musical riguardava il piano di salvezza che il Signore ha preparato per ognuno di noi e tra le altre cose parlava della vita spirituale o preterrena prima della creazione della terra. In quel periodo tutti ci conoscevamo e ci amavamo, essendo figli di Spirito del Padre Celeste. Durante lo spettacolo mi guardavo intorno e avevo la netta sensazione di conoscere tutte le persone che assistevano, pur avendole viste per la prima volta. Allora ho capito che il messaggio sul piano di salvezza era vero e che entrare a far parte della Chiesa era la via giusta da seguire perchè il piano si adempisse. Ho la testimonianza che essendo una Chiesa di rivelazione, ognuno di noi, se lo desidera, può essere guidato dallo Spirito Santo in tutte le cose della vita, pur avendo salvaguardato il proprio libero arbitrio, e posso anche testimoniare che avendo avuto dediderio di servire nella Chiesa sin dal primo giorno di appartenenza, il Signore non ha mai deluso questa mia aspettativa. E l'amore e l'amicizia ricevuti nella Chiesa sono l'esempio dell'amore e della amicia del Salvatore da a coloro che sono disposti e si sforzano di seguirLo negli insegnamenti e nei comandamenti, ma la verità importante che scaturisce dall'appartenenza alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è quella che i membri della Chiesa non sono perfetti, ma hanno la grande responsabilità di testimoniare che Gesù è il Salvatore e Redentore del mondo e che la Sua Chiesa e la vera Chiesa ove si insegna la vera dottrina di salvezza basata in particolare sulla famiglia. E i membri hanno il sacro obbligo di insegnare la dottrina sia con le parole ma soprattutto con l'esempio.

Storie personali

In che modo i tuoi talenti possono benedire gli altri?

Ciò che ho imparato e che mi è stato donato come talento è merito del Signore ed è giusto restituire tutto al Signore chiedendoGli di essere strumenti e latori delle benedizioni per i suoi figli. Se avremo fede Egli ci ispirerà e ci guiderà verso coloro che hanno bisogno di noi.

Quale tra gli insegnamenti del Salvatore ti ha influenzato di più nella tua vita?

Sicuramente il servizio disinteressato e l'amore e la pazienza verso il prossimo (nessuno escluso)

Come vivo la mia fede

Avendo smesso di lavorare per vivere, mi rimane molto tempo da dedicare alla famiglia, alla congregazione ecclesiastica a cui appartengo e ai parenti, amici e vicini. Ho svolto e imparato molti mestieri per hobby e ho l'opportunità di essere utile a chi ha bisogno senza chiedere nulla in cambio, se non chiedere di fare altrettanto con gli altri. La Domenica è sacra e cerco di essere sempre presente per rivedere i fratelli e le sorelle della Chiesa e spero sempre di vedere volti nuovi. Mi sforzo di essere obbediente ai comandamenti e di leggere le scritture e pregare, perchè so che sono tra le cose più importanti che devo fare affinchè possa meritare di ritornare al mio Padre Celeste dopo questa vita. Nella congregazione ( Rione ) mi hanno affidato un incarico che prevede che mi occupi, assieme ad atri due fratelli , dei problemi logistici e tecnici della cappella ( l'edificio che ci ospita la Domenica e negli altri giorni della settimana) ed è un impegno che mi piace e che mi gratifica ed è una delle maniere con la quale mi sforzo di restituire al Signore una infinitesima parte delle benedizioni che Lui mi concede ogni giorno. Ho anche l'incarico di visitare e consolidare spiritualmente e materialmente alcune famiglie e fratelli, almeno una volta al mese e durante la mia vita cerco di essere obbediente alle leggi della mia nazione e della regione e città in cui vivo. Quando è necessario , secondo l'ispirazione del Signore, e cercando di non creare problemi di dignità, aiuto le persone disagiate che hanno bisogno di cibo ed altro, avendo il desiderio di fare agli altri ciò che vorrei fosse fatto a me.