mormon.org Mondiale
Carlo: convertito, ex ateo, chitarrista, padre di famiglia, amicizia, la vita ha uno scopo, Mormone.

Ciao, mi chiamo Carlo

Chi sono

Sono un operaio, sposato ed ho 6 figli e 2 nipoti, amo fare volontariato, per una decina d'anni ho insegnato come volontario italiano agli stranieri, sono un donatore di sangue, attualmente con mia moglie collaboro ad una mensa per gli homeless e ad alcune iniziative con la Comunità di S. Egidio. Anche mia moglie quando può svolge opera di volontariato con l'UNICEF, organizzazione dell'ONU che sostiene i bambini bisognosi e l'AVO, Associazione Volontari Ospedalieri, assistendo persone anziane ricoverate in istituti Pubblici. Mi piace coltivare l'orto, leggere ed ascoltare buona musica, classica, leggera, pop e techno, mi dedico alla ricerca genealogica e utilizzo parte delle mie ferie per fare gite con mia moglie nei luoghi in cui sono nati i miei avi, io le chiamo "gite per unire lo spirituale al divertimento". Suono la chitarra e cerco di trasmettere l'amore per la musica a figli e nipoti. Mi piacciono il cinema, la lettura delle Sacre Scritture ed amo calcio basket e ginnastica, non li pratico ma seguo figli e nipoti nei loro allenamenti.

Perché sono mormone

Mai avrei immaginato, oltre 15 anni fa, che questo avrebbe potutto succedere: da ateo a credente. Ho conosciuto la Chiesa tramite una persona che poi è diventata mia moglie, mi aveva attratto la sua semplicità e il suo desiderio di aiutare gli altri.....Così, quando la mia futura moglie mi propose di ascoltare alcune lezioni delle Missionarie a tempo pieno accettai, scettico e curioso allo stesso tempo. Un giorno, dopo alcuni incontri, mi chiesero se avessi accettato di inginocchiarmi e chiedere al Signore se ciò che avevo letto ed ascoltato fino a quel momento fosse vero. La risposta arrivò e fu positiva. Certo volevo cambiare la mia vita ma non così radicalmente! D'altra parte non potevo negare a me stesso di aver ricevuto una forte testimonianza e la mia coscienza diceva che dovevo seguire la verità. Così dopo due mesi mi battezzai. Il Vangelo mi aiuta ad affrontare le sfide della vita, dà un senso ad ogni cosa che faccio e mi aiuta a migliorare, perche so di essere imperfetto (ma no !?), però so anche che con l'aiuto di Cristo ho le risorse per diventare simile a Lui. Il Signore non ci chiede di essere perfetti, ma la costanza di migliorare giorno per giorno, facendo un passo alla volta, secondo i nostri tempi, nell'arco di una vita. Seguendo il Piano di Dio so che posso dare il meglio di me alla mia famiglia, che amo più della mia stessa vita e so che un giorno saremo una famiglia unita per l'eternità, accanto a Lui.

Storie personali

In che modo conoscere il piano di felicità ha giovato alla tua vita o l’ha cambiata?

Conoscere il piano di felicità ed accettarlo ha dato uno scopo alla mia vita, mi fa pensare al futuro senza eccessiva preoccupazione, perchè per ogni problema che si presenta il Signore ci dà la forza per sopportarlo e superarlo.

Che cosa stai facendo per rafforzare la tua famiglia e per garantirne il successo?

Io e mia moglie ci sforziamo di leggere le Scritture assieme ai figli, organizziamo ogni lunedì le serate famigliari in cui uniamo buon cibo, pensieri spirituali e gioco per rafforzare l'unità e l'amore tra noi

Ti invitiamo a condividere i tuoi sentimenti/la tua testimonianza sulla restaurazione del Vangelo.

Io so senza ombra di dubbio che Dio vive e ci ama, Egli vuole il meglio per tutti noi che siamo suoi figli. Il Vangelo, composto dalle sacre Scritture e dal Libro di Mormon, è una guida per ottenere felicità e benessere spirituale e materiale su questa terra e ci libera dalla schiavitù della morte, grazie all'Espiazione di Gesù Cristo, accanto a lui, seguendo i suoi insegnamenti, sono certo che un giorno vivrò con lui assieme alla mia famiglia.

Quali benedizioni hai ricevuto grazie alla tua fede in Gesù Cristo?

Le benedizioni che ho ricevuto in questi anni grazie alla mia fede ed a quella dei miei famigliari sono state: unione famigliare, soprattutto nelle avversità e nelle prove, soddisfazione dei bisogni materiali primari, essendo fedeli al principio della decima, stretta unione con mia moglie e amore reciproco con i figli, grande amicizia con i membri del mio Rione.

Che cosa ha influito sullo sviluppo di una maggiore armonia nella tua casa?

La mia esperienza famigliare mi ha insegnato che applicando il Vangelo in casa con amore e sincerità si può ottenere armonia ed affetto tra tutti i componenti della famiglia, anche con chi si rifiuta di seguire il Vangelo Tutti i miei famigliari sono membri della mia chiesa, ma due sono inattivi, cioè non seguono gli insegnamenti del Vangelo, gli altri membri invece di isolarli o ignorarli si danno da fare per far sentire ancor più il loro amore, così siamo, adetta di tutti: vicini, amici e parenti una famiglia solidale e molto unita, di questo ne sono molto felice.

Come vivo la mia fede

Come tutti i membri attivi della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni dedico parte del mio tempo libero a svolgere attività non retribuita per la mia Chiesa. Sono stato per diversi anni Presidente degli Anziani, occupandomi di organizzare assieme agli altri membri maschi adulti (dai 18 ai.....100 anni!) le visite periodiche alle famiglie del Rione portando messaggi spirituali e cercando di sostenerle sia spiritualmente che materialmente; svolgendo questo incarico mi sono fatto un sacco di amici che frequento con piacere, sapendo di essere capito, amato ed aiutato nei momenti del bisogno, dall'organizzare un trasloco ad una mano sulla spalla nei momenti bui. Successivamente per un certo periodo ho svolto l'incarico di responsabile del Lavoro Missionario, aiutando i Missionari a tempo pieno, quelle coppie di ragazzi in giacca e cravatta e la targhetta che dedicano due anni della loro vita a proclamare il Vangelo nelle strade e nelle piazze delle città e dei paesi in ogni parte del mondo. In seguito con mia moglie mi sono occupato del centro dei giovani adulti non sposati (ragazzi e ragazze dai 18 ai 30 anni, membri della Chiesa e non), praticamente una sorta di genitori spirituali. Dal 2013 sono Presidente dei Giovani Uomini, ragazzi dai 12 ai 17 anni compiuti, i giovani hanno i loro leaders per ogni fascia di età quindi il mio ruolo è di consulenza e sostegno.