mormon.org Mondiale
Mehrsa: Mormone.

Ciao, mi chiamo Mehrsa

Chi sono

Sono la più grande di tre femmine e anch’io ho tre femmine. Sono venuta in America quando ero piccola e mi sento benedetta ad avere avuto la possibilità di crescere qui le mie figlie. Voglio che loro conoscano la loro storia e sentano un legamo con il loro passato e che comprendano quanto sono fortunate ad avere le opportunità che hanno. Le mie figlie sono tutte nate nella città di New York, dove abbiamo vissuto per una decina d’anni; adesso abitiamo nel grande West. La mia vita è uno sforzo continuo rivolto all’apprendimento e all’insegnamento. Mi sto sforzando di insegnare alle mie figlie come vivere una buona vita, a essere donne oneste, virtuose e forti. Provo anche a insegnare agli studenti di legge. Mi sento come una principiante in entrambe queste imprese e chiedo costantemente aiuto a Dio.

Perché sono mormone

Mettere in pratica il Vangelo mi ricorda costantemente di vivere una vita compassionevole. Il Vangelo mi insegna che la mia vita non è solo per me stessa; devo fare agli altri quello che vorrei che loro facessero a me. Quando studio le lezioni del Vangelo, mi sento come se mi venisse ricordato qualcosa che ho sempre saputo. Quando servo e amo il mio prossimo mi sento piena di pace. Provo gioia nel far parte di un gruppo di persone che si sforzano di migliorare e provano a superare le loro debolezze naturali. Mettere in pratica le leggi di Cristo è una lotta continua, ma “il Suo carico è leggero”, almeno più leggero dei miei altri carichi ordinari. Lui ci chiede solo di darGli la nostra volontà in modo che ci possa rendere migliori. Penso che la religione sia azione e cambiamento: attraverso le mie buone opere, spero di poter cambiare e diventare una brava persona.

Storie personali

Che cosa stai facendo per rafforzare la tua famiglia e per garantirne il successo?

Ogni lunedì, passiamo la serata in famiglia. È la sera della settimana che le mie figlie preferiscono. Cantiamo una canzone insieme e preghiamo insieme, poi teniamo una breve lezione, per esempio sul condividere o sul servizio, o sulla preghiera e poi giochiamo a giochi per bambini e mangiamo qualche leccornia. L’aspettiamo con impazienza, ci aiuta a mantenere un po’ di pace in una casa che spesso è caotica.

Come vivo la mia fede

Voglio mettere “provare” nella frase; provo a vivere la mia fede servendo e amando gli altri. Provo a vivere la mia fede insegnando alle mie figlie ciò che è necessario per amare Dio e amare il loro prossimo. Provo a vivere la mia fede essendo una persona onesta. Inoltre, provo a insegnare ai miei studenti che è loro responsabilità usare l’istruzione per servire gli altri e combattere le ingiustizie. Provo a essere una brava moglie, una brava madre, una brava vicina e una brava cittadina. Ho avuto diversi incarichi nella Chiesa nei quali ho potuto aiutare gli altri. Ho lavorato molto con alcuni dei giovani a Harlem, New York, e sono riuscita ad aiutarli a prendere buone decisioni, ho offerto loro un po’ di guida su come avere successo nei loro studi e su come trovare un buon lavoro.