mormon.org Mondiale

Ciao, mi chiamo Clark

  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe
  • Clark Wiscombe

Chi sono

Non sono solo cresciuto nello Utah, sono cresciuto nelle zone più selvagge dello stato. Fare escursionismo e saccopelismo, cacciare, pescare, sciare, andare in mountain bike, scalare ed esplorare i canyon, tutte queste attività hanno influenzato la mia vita. È semplice… Amo stare all’aria aperta! Il mio amore per le attività all’aperto è esploso definitivamente quando ho avuto l’occasione di condividerlo con la mia straordinaria moglie e le mie bellissime figlie. Ci piace stare tra le creazioni di Dio: ci unisce come famiglia.

Perché sono mormone

Perdere mio padre all’età di quattordici anni mi devastò. Essendo cresciuto nella Chiesa, gli insegnamenti erano sempre presenti nella mia mente. Ero giunto, alla fine, a un bivio nella mia vita. Dovevo sapere se ciò che mi era stato insegnato sul regno di Dio e sulla famiglia eterna era vero. Volevo sapere se sarei stato in grado di vivere con mio padre e con la mia famiglia per sempre. Sapevo che per ricevere la mia testimonianza, dovevo fare la mia parte. Alla fine del Libro di Mormon, il profeta Moroni estende un invito. Egli esorta ogni persona che entra in contatto con questo libro a leggerlo, a meditare e a pregare a riguardo, promettendo che, se lo farà con sincerità, riceverà una risposta. Non dimenticherò mai quando ho messo alla prova l’invito di Moroni. Lessi il Libro di Mormon a diciassette anni. Non lo lessi soltanto, ponderai sui meravigliosi insegnamenti del Salvatore in esso contenuti. Poi, pregai il mio Padre Celeste con sincerità. Gli chiesi di darmi quella conferma che il Libro di Mormon era vero. Non dimenticherò la risposta dolce che ricevetti e che mi rese umile. Seppi che il mio Padre Celeste mi ama e che, sì, posso vivere con la mia famiglia per sempre. Capii, inoltre, che la vita non sarebbe stata facile. Fortunatamente ci fu un altro principio che compresi quel giorno: ho un Salvatore. Il perdono è reale, è tangibile. È a disposizione di tutti! Quel giorno promisi al Padre Celeste che avrei fatto sempre del mio meglio per rispondere alla Sua chiamata al servizio. Ogni giorno è una benedizione enorme e io cerco di fare del mio meglio per essere all’altezza di chi sono: un figlio del Padre Celeste. La mia testimonianza è reale. Ed è mia. L’ho forgiata col fuoco. Ciò mi rende molto felice!!

Come vivo la mia fede

Nella vita ho avuto molte occasioni meravigliose per servire. Mi è sempre piaciuto molto insegnare. Negli ultimi dieci anni della mia vita ho lavorato con i giovani, dalle lezioni alla Scuola Domenicale alle numerose avventure all’aperto. La mia vita è diventata più ricca grazie a queste giovani anime. Sinceramente mi hanno insegnato molto di più di quanto io abbia insegnato a loro. Di recente mi è stato chiesto di servire settimanalmente con coloro che insegnano ai giovani e agli adulti. La parte migliore è andare nelle varie classi e sentire l’amore che il nostro Padre Celeste prova per ciascuno dei Suoi figli. La mia vita ne viene grandemente arricchita. Ho anche la possibilità di servire nei vari comitati che collaborano con le attività della Chiesa e di quartiere, come le grigliate, i progetti di servizio, i ritrovi, ecc.