mormon.org Mondiale

Restaurazione della
Chiesa di Gesù Cristo

Cristo ha organizzato la Sua chiesa sulla terra

“Io son la via, la verità e la vita” (Giovanni 14:6) disse Cristo ai Suoi seguaci durante il suo breve ma intenso ministero sulla terra. Fu un messaggio tempestivo e necessario poiché, qualche centinaio di anni prima della Sua nascita, molte persone avevano smesso di vivere secondo i comandamenti di Dio. Cristo riportò la luce nel mondo quando proclamò il Suo vangelo proprio come aveva fatto con i suoi profeti dell’antichità, come Abrahamo, Isacco e Mosè. Scelse dodici uomini come Suoi apostoli — compresi Pietro, Giacomo e Giovanni — e pose le Sue mani sul loro capo per conferire loro quell’autorità chiamata sacerdozio atta a celebrare i battesimi, a governare la Sua chiesa e a diffondere la Sua parola in tutto il mondo.

Nonostante la Sua enorme influenza e i numerosi miracoli, alla fine Egli fu respinto e crocefisso. Dopo la Sua morte, i Suoi coraggiosi e fedeli apostoli andarono avanti senza di Lui, battezzando nuovi membri e dando inizio a diverse congregazioni.

La Grande Apostasia

Nonostante gli sforzi coraggiosi degli apostoli di Cristo e dei loro fedeli seguaci, la chiesa originaria che Cristo aveva restaurato iniziò a dissolversi. I membri affrontarono dure persecuzioni e tutti gli apostoli, eccetto uno, furono martirizzati. In questo periodo, chiamato la Grande Apostasia, ci fu un allontanamento (2 Tessalonicesi 2:1-3) dal vangelo che Cristo aveva organizzato. L’autorità apostolica di conferire le chiavi del sacerdozio e di ricevere rivelazioni per la Chiesa andò perduta insieme a molti insegnamenti preziosi. Errori sui Suoi insegnamenti si insinuarono nella Chiesa sfociando in opinioni contrastanti e verità perdute. Questo periodo è ciò che noi chiamiamo la Grande Apostasia.

Senza autorità o guida divina, la cristianità lottò per sopravvivere tra le opinioni contrastanti anche sugli insegnamenti più basilari del Vangelo. Senza l’autorità del sacerdozio o la pienezza del Vangelo le persone dovettero fare affidamento sulla saggezza umana per interpretare le Scritture, i principi e le ordinanze. Molte false idee furono insegnate come verità, e gran parte della conoscenza del vero carattere e della vera natura di Dio Padre, di Gesù Cristo e dello Spirito Santo andò perduta. Dottrine essenziali come la fede, il pentimento, il battesimo e il dono dello Spirito Santo furono distorte e dottrine importanti andarono completamente perdute.

Secoli dopo alcuni uomini ispirati, come Martin Lutero e Giovanni Calvino, riconobbero che le pratiche e le dottrine erano state alterate o erano andate perse, e cercarono di riformare le chiese a cui appartenevano. Ma senza l’autorità degli apostoli del Signore Gesù Cristo, il Suo vangelo e la Sua chiesa non potevano essere riportati alla loro forma originale.

Dio restaurò la chiesa di Cristo mediante Joseph Smith

Se il ragazzo della porta accanto ci dicesse di essere stato chiamato da Dio per restaurare la Sua vera chiesa sulla terra, gli crederemmo? Probabilmente no. Lo stesso fecero molte persone a Nazaret quando non credettero che il loro vicino, Gesù Cristo il falegname, era il Messia.

Dopo molti secoli di confusione spirituale la gente aveva un disperato bisogno delle verità originarie di Cristo. Quando, nel 1820, Dio scelse un ragazzo di 14 anni come Suo messaggero, la maggior parte delle persone si rifiutarono di ascoltare. Joseph Smith viveva negli Stati Uniti, che a quel tempo erano l’unico paese che mostrasse libertà religiosa. La sua famiglia era profondamente religiosa e cercava incessantemente la verità.

Joseph doveva decidere a quale delle numerose denominazioni cristiane unirsi. Anche dopo aver studiato attentamente, Joseph Smith si sentiva ancora confuso in merito. In seguito scrisse: “Così grandi erano la confusione e i conflitti fra le diverse confessioni, che era impossibile per una persona giovane come ero io… giungere ad una qualche sicura conclusione su chi avesse ragione e chi avesse torto… In mezzo a questa guerra di parole e a questo tumulto di opinioni, io mi dicevo spesso: Cosa devo fare? Quale di tutti questi gruppi ha ragione? O hanno tutti torto? E se uno di essi è giusto, qual è, e come saperlo?” (Joseph Smith—Storia 1:8, 10).

Egli si rivolse alla Bibbia per trovare una guida. Egli lesse: “Che se alcuno di voi manca di sapienza, la chiegga a Dio che dona a tutti liberalmente senza rinfacciare, e gli sarà donata” (Giacomo 1:5). Con fede semplice decise di seguire tale suggerimento. Nella primavera del 1820, si recò in un bosco vicino e si inginocchiò in preghiera. Queste sono le parole con cui ha descritto l’esperienza: “Vidi esattamente sopra la mia testa una colonna di luce più brillante del sole, che discese gradualmente fino a che cadde su di me… Quando la luce stette su di me, io vidi due Personaggi il cui splendore e la cui gloria sfidano ogni descrizione, ritti sopra di me nell’aria. Uno di essi mi parlò, chiamandomi per nome, e disse indicando l’altro: Questo è il mio Figlio diletto. Ascoltalo!” (Joseph Smith—Storia 1:16–17). Nella sua visione gli apparvero Dio Padre e Suo figlio, Gesù Cristo. Il Salvatore disse a Joseph di non unirsi a nessuna chiesa. Anche se a quel tempo molte brave persone credevano in Cristo e cercavano di comprendere e insegnare il Suo vangelo, non avevano la pienezza della verità né l’autorità del sacerdozio per battezzare e celebrare le altre ordinanze di salvezza. Questa visione diede inizio alla restaurazione della chiesa di Gesù Cristo sulla terra, la cui istituzione fu autorizzata da Dio 10 anni più tardi per mano di un Joseph Smith più saggio e ammaestrato dal cielo, e permise a tutti di ricevere nuovamente la gioia e le benedizioni che vengono dal vivere il Vangelo.

Per saperne di più su Joseph Smith

L’autorità di guidare la Sua chiesa fu restaurata.

Che cosa significa veramente avere autorità divina? L’autorità di agire nel nome di Dio è chiamata sacerdozio. Alcuni pensano erroneamente che tale autorità conceda a una persona il potere di dire agli altri che cosa fare. Ciò che significa in realtà è che una persona può agire nel nome di Dio e per conto della Sua chiesa — come quando conferiamo la procura a qualcuno per agire a nostro nome.

Prima dell’organizzazione della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, Joseph Smith ricevette l’autorità del sacerdozio per mano di Giovanni Battista, Pietro, Giacomo e Giovanni, i quali ricevettero i medesimi “poteri e autorità” da Gesù Cristo Stesso (Luca 9:1). Questi uomini apparvero come angeli e conferirono il sacerdozio a Joseph Smith. Il profeta attuale, Thomas S. Monson, è il successore autorizzato di Joseph Smith. La sua autorità e quella dei presenti apostoli della Chiesa risale a Gesù Cristo tramite una catena ininterrotta di ordinazioni.

Il Libro di Mormon

Il Libro di Mormon rende testimonianza che Gesù Cristo è davvero vissuto sulla terra e continua a vivere oggi come nostro divino Salvatore. È un secondo testimone che conferma l’esistenza di Gesù Cristo e la veridicità della Bibbia. La storia della sua nascita è miracolosa tanto quanto gli altri avvenimenti che circondano la restaurazione della Chiesa.

Nel 1823 Joseph Smith ricevette la visita di un messaggero celeste di nome Moroni proprio come gli angeli spesso apparvero agli Apostoli nel Nuovo Testamento. Moroni parlò a Joseph degli annali degli antichi abitanti del continente americano sepolti in una collina nei dintorni. Disse che contenevano la pienezza del vangelo di Gesù Cristo e che erano stati compilati su sottili tavole d’oro. Joseph tradusse il libro in inglese. Il libro fu intitolato Libro di Mormon, da Mormon, il profeta dell’antichità che mise insieme gli annali.

Tradotto e scritto con lo stesso stile scritturale della Sacra Bibbia, il Libro di Mormon ci racconta le difficoltà delle persone rette dell’epoca che cercavano di mettere in pratica i comandamenti di Dio. Proprio come accade a volte oggi, esse venivano spesso prese in giro e perseguitate per ciò in cui credevano. Un sezione particolarmente illuminante del libro riporta la visita di Cristo al continente americano subito dopo la Sua resurrezione. Egli invitò le persone a toccare le ferite nelle Sue mani, nei Suoi piedi e nel Suo costato. Le benedisse e le guarì, compì miracoli e diede a dodici uomini la stessa autorità conferita ai Suoi dodici apostoli i cui atti sono riportati nella Bibbia. L’impatto della Sua visita fu così profondo che per circa 170 il popolo visse in pace e rettitudine.

Approfondisci la conoscenza del Libro di Mormon

Dio è il tuo affettuoso Padre Celeste

La verità fondamentale della chiesa restaurata è che Dio è il nostro Padre Celeste e noi siamo i Suoi figli spirituali. Ci conosce personalmente e ci ama più di quanto possiamo comprendere. Desidera che abbiamo successo in questa vita e che ritorniamo a vivere con Lui. La nostra vita sulla terra fa parte del Suo piano affinché possiamo ottenere un corpo, imparare, crescere e trovare gioia. Talvolta la vita è difficile, solitaria o spaventosa, ma il Padre Celeste si preoccupa sempre per te. In risposta alle tue preghiere, è pronto a darti conforto, pace e guida.

Egli ha preparato un percorso per noi che benedirà la nostra vita, se lo seguiremo. Tale percorso è indispensabile per tornare a Lui. Ci consentirà di ricevere la pienezza degli effetti del sacrificio espiatorio di Cristo. Seguendolo troveremo una pace e una gioia maggiori sia in questa vita sia in quella a venire.

La famiglia è il cardine del piano di Dio.

Magari siamo cresciuti in una famiglia felice e stabile con due genitori affettuosi. O forse no e crescere è stato difficile senza l’amore e il supporto tanto desiderati. È probabile che da adulti si desideri una casa felice.

Condurre una vita familiare tranquilla non è sempre facile, ma nella chiesa restaurata di Dio il matrimonio e la famiglia sono ritenute l’unità sociale più importante sia ora sia per l’eternità. Dio vuole che facciamo adesso tutto ciò che possiamo per prepararci a vivere per sempre con la nostra famiglia. Se costruiamo il nostro matrimonio e la nostra famiglia sui principi di Cristo, compresi fede, preghiera, pentimento, perdono, rispetto, amore, compassione, lavoro e sano divertimento, la casa può diventare un luogo di rifugio, di pace e di gioia immensa.

Non dobbiamo scoraggiarci. Non ha importanza quanto ci impegniamo, il nostro matrimonio e la nostra casa non saranno perfetti. Fa parte del processo di crescita che dobbiamo affrontare. Dio vuole che impariamo come essere pazienti e affettuosi quando il nostro coniuge, i nostri figli piccoli o adolescenti si comportano in modo troppo umano. Il nostro lavoro è di servirli, cosa che in cambio ci aiuterà a divenire più simili a Dio.

Per saperne di più su Rafforzare le famiglie

In che modo Dio comunica con noi oggi

Inoltre ci fornisce una guida mediante i Suoi profeti che hanno l’autorità di parlare e agire in Suo nome. Nel corso della storia, coraggiosi profeti come Noè, Abrahamo, Mosè, Pietro, Giovanni Battista, l’Apostolo Paolo e molti altri hanno reso ferventi testimonianze di Cristo per aiutare la nostra stessa fede a crescere.

Quando Joseph Smith fu tragicamente martirizzato a Carthage, nell’Illinois, nel 1844, la guida della Chiesa restaurata passò a Brigham Young che allora era l’apostolo anziano. Egli diresse la Chiesa sotto la guida di Cristo per 33 anni — conducendo il primo gruppo di pionieri attraverso le praterie fino alla Valle del Lago Salato nel 1847. Supervisionò l’ulteriore immigrazione di oltre 70.000 persone provenienti dagli Stati Uniti e dall’Europa e stabilì 350 insediamenti negli Stati Uniti occidentali, nel Canada e nel Messico.

La successione dei profeti continua ancora oggi con il nostro attuale profeta e presidente della Chiesa, Thomas S. Monson. È accompagnato dai suoi consiglieri, i presidenti Henry B. Eyring e Dieter F. Uchtdorf. Insieme, essi costituiscono la Prima Presidenza della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (un po’ come Pietro, Giacomo e Giovanni ai tempi di Cristo). Proprio come Dio guidò gli Israeliti fuori dalla schiavitù a un luogo migliore per mezzo del Suo profeta Mosè, allo stesso modo Egli ci guida verso una vita più felice e pacifica quando noi scegliamo di seguire Gesù Cristo ascoltando i Suoi profeti viventi. Tutti siamo invitati a leggere e ascoltare le parole dei profeti viventi e a prendere in considerazione i benefici derivanti dal conoscere la volontà di Dio.