Salta la navigazione
I nostri membri
I nostri valori
Il nostro credo
Vieni a trovarci
FAQ
.
Chatta con noi

Restaurazione della
Chiesa di Gesù Cristo

Cristo ha organizzato la Sua chiesa sulla terra

“Io son la via, la verità e la vita” (Giovanni 14:6) disse Cristo ai Suoi seguaci durante il suo breve ma intenso ministero sulla terra. Fu un messaggio tempestivo e necessario poiché, qualche centinaio di anni prima della Sua nascita, molte persone avevano smesso di vivere secondo i comandamenti di Dio. Cristo riportò la luce nel mondo quando proclamò il Suo vangelo proprio come aveva fatto con i suoi profeti dell’antichità, come Abrahamo, Isacco e Mosè. Scelse dodici uomini come Suoi apostoli — compresi Pietro, Giacomo e Giovanni — e pose le Sue mani sul loro capo per conferire loro quell’autorità chiamata sacerdozio atta a celebrare i battesimi, a governare la Sua chiesa e a diffondere la Sua parola in tutto il mondo.

Nonostante la Sua enorme influenza e i numerosi miracoli, alla fine Egli fu respinto e crocefisso. Dopo la Sua morte, i Suoi coraggiosi e fedeli apostoli andarono avanti senza di Lui, battezzando nuovi membri e dando inizio a diverse congregazioni.

La Grande Apostasia

Nonostante gli sforzi coraggiosi degli apostoli di Cristo e dei loro fedeli seguaci, la chiesa originaria che Cristo aveva restaurato iniziò a dissolversi. I membri affrontarono dure persecuzioni e tutti gli apostoli, eccetto uno, furono martirizzati. In questo periodo, chiamato la Grande Apostasia, ci fu un allontanamento (2 Tessalonicesi 2:1-3) dal vangelo che Cristo aveva organizzato. L’autorità apostolica di conferire le chiavi del sacerdozio e di ricevere rivelazioni per la Chiesa andò perduta insieme a molti insegnamenti preziosi. Errori sui Suoi insegnamenti si insinuarono nella Chiesa sfociando in opinioni contrastanti e verità perdute. Questo periodo è ciò che noi chiamiamo la Grande Apostasia.

Senza autorità o guida divina, la cristianità lottò per sopravvivere tra le opinioni contrastanti anche sugli insegnamenti più basilari del Vangelo. Senza l’autorità del sacerdozio o la pienezza del Vangelo le persone dovettero fare affidamento sulla saggezza umana per interpretare le Scritture, i principi e le ordinanze. Molte false idee furono insegnate come verità, e gran parte della conoscenza del vero carattere e della vera natura di Dio Padre, di Gesù Cristo e dello Spirito Santo andò perduta. Dottrine essenziali come la fede, il pentimento, il battesimo e il dono dello Spirito Santo furono distorte e dottrine importanti andarono completamente perdute.

Secoli dopo alcuni uomini ispirati, come Martin Lutero e Giovanni Calvino, riconobbero che le pratiche e le dottrine erano state alterate o erano andate perse, e cercarono di riformare le chiese a cui appartenevano. Ma senza l’autorità degli apostoli del Signore Gesù Cristo, il Suo vangelo e la Sua chiesa non potevano essere riportati alla loro forma originale.